Skip to content

Giornata mondiale della biodiversità

by legambiente on maggio 24th, 2016

Rossella Muroni (presidente Legambiente nazionale): “Perché la biodiversità è a rischio anche in Italia” – Qualche consiglio

La biodiversità è a rischio, anche in Italia. Nella giornata a lei dedicata, facciamo il punto della situazione con la presidente di Legambiente.

Camosci, lupi e farfalle. Ci sono anche loro tra il made in Italy migliore. E possiamo andare fieri delle politiche di conservazione e gestione di questi animali messe in campo negli ultimi anni nel nostro Paese. E’ questo il dato che emerge dal dossier di Legambiente pubblicato per la giornata mondiale della biodiversità che si celebra il 22 maggio, con un’analisi sullo stato della tutela della biodiversità in Italia.

Il lupo è tornato, ma non è fuori pericolo

I risultati conseguiti sono, infatti, decisamente positivi. La Commissione europea ha selezionato il progetto di tutela del camoscio appenninico tra i migliori progetti Life Natura terminati nel 2015 e ci sono oggi più di 2000 esemplari distribuiti nei Parchi dell’Appennino centrale. Il lupo è tornato in territori dai quali sembrava scomparso e sebbene non sia ancora fuori pericolo, non rischia più l’estinzione. L’Italia è il paese europeo più ricco di farfalle, con 289 specie “contate”. In particolare, la Sardegna e l’Arcipelago toscano ospitano numerose specie endemiche, cioè che non vivono in nessun altro luogo al mondo, e molte farfalle tipiche del continente si aggiungono alle faune insulari creando combinazioni uniche di specie. Un quadro di cui siamo a conoscenza grazie a 15 anni di studio con la partecipazione di diversi enti pubblici.

Ci vuole un piano per la biodiversità
Occorre però andare avanti, imparare a replicare le esperienze positive e fare di più, perché nonostante gli sforzi di conservazione messi in atto, lo stato complessivo della biodiversità italiana si è deteriorato. La tutela della fauna selvatica non è mai facile, né scontata, ma a guardare i risultati raggiunti in Italia possiamo dire di essere stati bravi. Abbiamo saputo svolgere un ruolo di primo piano nelle strategie per frenare la perdita di biodiversità, misurandoci contemporaneamente con politiche di sviluppo locale innovative, basate sulla qualità ambientale. La rete dei parchi e delle aree protette presente sul nostro territorio hanno poi fatto la differenza. Come per il camoscio appenninico, che è addirittura diventato un brand utilizzato come richiamo turistico dagli operatori locali. Certo, le criticità non mancano. Il caso del lupo, in particolare, è più complesso e il Piano di conservazione e gestione di questa specie, predisposto dal Ministero dell’Ambiente, ha messo in moto una discussione animata che interessa in generale la gestione della fauna selvatica nel nostro paese. Condivisione, partecipazione e buona gestione sono alla base degli ottimi risultati conseguiti ed è su questa strada che dobbiamo continuare a procedere. Perché se il nostro è tra i paesi europei più ricchi di biodiversità, è anche vero che questa si sta deteriorando rapidamente, a causa di fattori che dipendono tutti dalle attività umane: l’inquinamento, la perdita e frammentazione degli habitat, l’introduzione di specie aliene, il bracconaggio e, non ultimi, i cambiamenti climatici. Anche per questo, riteniamo urgente dare seguito agli impegni presi alla Conferenza sul clima di Parigi.
Tornando alla situazione del lupo in Italia, è importante sottolineare che la causa principale di mortalità è il bracconaggio, e che la specie non è ancora dichiarata fuori pericolo. La popolazione è in crescita ma è ancora presto per cantare vittoria. Per questo motivo contestiamo la scelta contenuta nel Piano di gestione predisposto dal Ministero dell’Ambiente di prevedere la possibilità di abbattere il 5% della popolazione di lupo.

 

Biodiversità a rischio in Italia
Il dossier di Legambiente presenta il quadro dello stato della biodiversità in Italia. Il nostro Paese ospita circa la metà delle specie vegetali e circa un terzo di tutte le specie animali attualmente presenti in Europa. La fauna è stimata in oltre 58.000 specie, di cui circa 55.000 di invertebrati (95%), 1812 di protozoi (3%) e 1265 di vertebrati (2%). La flora è costituita da oltre 6.700 specie di piante vascolari (di cui il 15% endemiche), 851 di muschi e 279 epatiche. Per quanto riguarda i funghi, sono conosciute circa 20.000 specie di macromiceti e mixomiceti (funghi visibili a occhio nudo). Secondo i dati riportati da Lo stato della biodiversità in Italia, realizzato nel 2015 dal Comitato Italiano IUCN, in collaborazione con Federparchi e con il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, sono a rischio di estinzione 596 delle specie campionate, pari a oltre un quinto del totale. Il trend della conservazione degli uccelli e dei mammiferi in Italia è in linea con quello globale. Il 25% dei mammiferi del pianeta rischia di scomparire nel giro di pochi anni, ma l’andamento del loro status è contraddittorio. Diverse specie oggi si trovano in condizioni nettamente migliori rispetto a 30 anni fa, grazie soprattutto alla corretta gestione delle popolazioni nelle aree protette. Per altre, invece, la situazione è nettamente peggiorate, come per esempio per i pipistrelli, a causa del degrado degli ambienti che essi frequentano e di un interesse solo recente per la loro conservazione. Un altro aspetto preoccupante è che per 376 specie, in particolare invertebrati o animali di ambiente marino, il rischio di estinzione è ignoto. Questo dimostra che sebbene la biodiversità nel nostro paese sia relativamente ben studiata, ancora molto resta da scoprire e imparare.

Le 22 specie a rischio in Italia
Tra i fattori di perdita di biodiversità identificati dal Millennium Ecosystem Assessment (un progetto di ricerca delle Nazioni Unite per analizzare i cambiamenti subiti dagli ecosistemi e identificare gli scenari futuri, che ha affermato che il mondo sta degradando le proprie risorse naturali, con conseguenze che cresceranno in maniera significativa nei prossimi 50 anni) figura anche l’introduzione di specie aliene. Negli ultimi 30 anni, infatti, il numero di specie alloctone sarebbe cresciuto del 76 per cento a livello mondiale con una spesa per i soli Paesi europei di oltre 12 miliardi di euro all’anno. L’Italia attualmente “ospita” 3000 specie alloctone terrestri, di cui 1645 specie animali e 1440 vegetali. Numerose anche le specie aliene tra gli invertebrati: 1.300 di cui circa 1.220 terrestri e 156 d’acqua. Il tema è stato oggetto di discussione delle politiche ambientali in Italia e in Europa solo da pochissimi anni. Da gennaio 2015 è entrato in vigore il Regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio “Recante disposizioni volte a prevenire e a gestire l’introduzione e la diffusione delle specie esotiche invasive”. Ci si baserà su un elenco di specie di interesse dell’Unione, da elaborare con gli Stati membri sulla base di valutazioni di risk assessment, che si concentrerà sulle specie che causano i maggiori danni, sia alla biodiversità, sia ai diversi settori socio-economici. Le misure più restrittive si applicheranno inizialmente a una lista di 37 specie invasive identificate sulla base di analisi del rischio. Questa lista, in corso di formalizzazione, comprende 22 specie presenti in Italia, tra cui la Nutria (Myocastor coypus), il Gobbo della Giamaica (Oxyura jamaicensis), il pesce d’acqua dolce Pseudorasbora parva e la Rana toro (Lithobates catesbeianus), invertebrati quali il Calabrone asiatico (Vespa velutina) e il Gambero rosso della Luisiana (Procambarus clarkii), piante come la Ludwigia grandiflora, Pueraria lobata e Hydrocotyle ranunculoides.

 

La grande sfida della conservazione della biodiversità sarà oggetto della tredicesima Conferenza delle Parti della Convenzione sulla diversità biologica che si svolgerà a Cancun in Messico dal 4 al 17 dicembre 2016. Un’occasione per fare il punto anche sul Piano Strategico globale per la Biodiversità 2011-2020 e sul raggiungimento degli obiettivi indicati. Qualora non si riuscisse a tutelare la biodiversità, infatti, il costo dell’inazione a livello mondiale, entro il 2050, supererebbe gli 11 miliardi di euro all’anno.

Il nostro pianeta è in pericolo. Ora ognuno può fare la sua parte, a partire da casa sua. Scegliere energia rinnovabile per la tua casa significa condividere il sogno di un mondo senza combustibili fossili. LifeGate ti dà la possibilità in soli 4 click di partecipare ad un grande cambiamento. Scopri di più.

 

 

 

Giornata mondiale della biodiversità, 5 gesti per aiutare la natura (di Lorenzo Brenna)

Ecco qualche consiglio per provare, attraverso semplici azioni, a restituire qualcosa alla natura.

Stiamo vivendo un’epoca in cui specie animali e vegetali si stanno estinguendo ad un ritmo forsennato e spaventoso, gli scienziati hanno definito questo fenomeno la sesta estinzione di massa della storia del pianeta. Le minacce di origine antropica cui la biodiversità deve far fronte sono numerose, dalla distruzione degli habitat alla caccia, fino all’utilizzo scriteriato delle risorse naturali.

Il gruccione nidifica in Italia mentre lo svernamento avviene, dopo un lungo viaggio, Africa a sud del Sahara

In un contesto simile le azioni individuali sembrerebbero avere un peso specifico molto basso, eppure ci sono comportamenti che possiamo adottare per invertire questo processo, perché in fondo i grandi cambiamenti nascono sempre dal basso. Ecco cinque azioni che potremmo intraprendere per provare a restituire qualcosa alla natura, in occasione della Giornata mondiale della biodiversità del 22 maggio.

 

Accoglienza per gli uccelli migratori
In questo periodo numerose specie di uccelli stanno compiendo la migrazione in cerca di cibo, clima migliore o delle condizioni ideali per riprodursi. Durante i lunghi viaggi questi animali devono far fronte a numerose minacce, come la scarsità di aree naturali in cui sostare e l’inquinamento luminoso. È possibile aiutarli, se si dispone di un giardino, mantenendone una parte più “selvaggia”, oppure creando dei pit-stop per gli uccelli, piantando arbusti e alberi in grado di fornire loro un riparo.

 

Piantare un albero

Le foreste sono indispensabili per la nostra specie, ci forniscono cibo, riparo, medicine, assorbono la CO2 e ospitano oltre l’80 per cento delle specie terrestri animali e vegetali. È possibile fare la nostra parte piantando un albero, o nella propria proprietà o trovando un luogo idoneo nella propria città. L’albero offrirà riparo e sostentamento ad un gran numero di specie animali. In fondo, come recita il noto adagio cinese, “il momento migliore per piantare un albero era venti anni fa. Il secondo momento migliore è ora”.

Gli alberi sono tra gli esseri viventi più antichi del pianeta, si ritiene che l’organismo vivente più vecchio conosciuto sia un abete rosso le cui radici hanno 9.550 anni

Guidare con prudenza

Gli incidenti stradali sono, secondo l’Oms, la nona causa di morte nel mondo e ogni anno provocano in Europa oltre 120mila vittime. Incalcolabili sono invece le vittime animali, protagonisti loro malgrado di una strage silenziosa, il cui unico epitaffio è una macchia di sangue su una strada asfaltata. Per ridurre questa carneficina sarebbe opportuno ridurre la velocità e prestare attenzione (soprattutto lungo le strade di campagna e di notte, quando molti animali sono più attivi). Se si dovesse investire un animale selvatico bisogna contattare la Polizia provinciale, oppure il Corpo forestale dello stato al 1515.

I ricci non hanno ancora sviluppato un sistema per proteggersi dalle automobili e utilizzano la tecnica impiegata con gli altri predatori, si appallottola, finendo inevitabilmente schiacciato

Scopri la biodiversità intorno a te
Anche chi vive in città è spesso a contatto con numerose specie animali e vegetali, ma molte volte non se ne rende neppure conto. È quindi molto importante comprendere e conoscere le altre creature con cui condividiamo l’esistenza. Osservare un riccio che si muove circospetto nel cuore della notte o un gheppio che si libra in aria mulinando le ali non possono che infonderci la meraviglia della natura e invogliarci a conoscerla meglio e questo è il primo passo per proteggerla. Prendetevi dunque qualche ora per esplorare le campagne, i prati o i boschi vicino casa, magari con un amico naturalista.

 

Offriamo uno spuntino agli impollinatori
Gli animali impollinatori svolgono un servizio ecosistemico essenziale, aiutano i fiori a espandere il proprio areale e a riprodursi, contribuendo quindi in maniera decisiva alla sicurezza alimentare globale. Il valore economico annuale dell’impollinazione equivale a 153 miliardi di euro per le principali colture di cui si nutre l’uomo. Considerati questi presupposti dobbiamo avere particolare cura delle api e degli altri impollinatori. Per questo chiunque può offrire loro un po’ di sostentamento, sia che si abbia a disposizione un giardino che un balcone, è possibile aiutare le api piantando piante e fiori per sfamarle. Tra le piante predilette dalle api ci sono il rosmarino, la lavanda, la borragine, la calendula e il geranio.

 

From → Uncategorized

Comments are closed.