Skip to content

La storia

Le previsioni urbanistiche ed i loro mutamenti nel tempo:

1965 – Il Piano Dodi Piccinato: Nell’area viene prevista una destinazione a verde urbano e verde sportivo

1998 – Il Piano Strutturale:  Si conferisce il rango di “Invariante Strutturale” (cioè previsione non modificabile) la presenza di un parco urbano, ma si inseriscono anche previsioni di altro tipo per portare servizi in un quartiere “dormitorio”.

2001 – Il Regolamento Urbanistico (attuazione del Piano Strutturale): definisce la Scheda Norma relativa all’area (7.5), prevedendo una parte (meno della metà dell’area!) di parco e numerosi servizi come la nuova sede della Provincia, il nuovo tribunale… La Provincia acquista la maggior parte dei terreni dell’area. Una parte rimangono ai privati e una parte è comunale.

2003 – Il progetto della nuova Provincia: viene bandito un concorso internazionale per la progettazione dell’area. Il progetto vincitore (Studio Draghi) frammenta il verde previsto in tante piccole superfici: di fatto scompare il parco.

2009 – Variante al Regolamento Urbanistico: si cambia la previsione inserendo, su richiesta della Provincia, lo spostamento del compelsso scolastico Concetto Marchesi.

Nel frattempo si profila lo smantellamento delle Province, quindi non ha più senso costruire una nuova sede. La Provincia di Pisa si dichiara non più interessata all’area e prospetta la vendita, a patto di ricavarne una cifra pari almeno ai costi fin qui sostenuti tra acquisto, oneri fiscali e progettazione.

2012 – Adozione della variante al Regolamento Urbanistico: si cambia nuovamente la previsione. Per mantere il valore dell’area di proprietà della Provincia e consentirne l’alienazione, si prevede l’insediamento della fondazione Stella Maris, che ha bisogno di avvicinarsi al nuovo ospedale di Cisanello. Per mantenere il valore delle altre aree si mantiene la previsione di edifici commerciali e a servizi. Vengono recepite in parte le istanze degli ambientalisti, prevedendo nuovamente la costruzione di un parco urbano unitario al centro dell’area.

2013 – Approvazione della variante al Regolamento Urbanistico: dopo una modifica sostanziale proposta dai cittadini e le associazioni ambientaliste, spariscono le previsioni di edifici commerciali e di servizi e l’area, a meno della superficie destinata alla Stella Maris, diventa un grande Parco Urbano. Nello Cisa ha vinto!!!

2014 – Con il mese di dicembre inizia  un percorso partecipativo per una progettazione condivisa